uomo

now browsing by tag

 
 

Daniel Meurois-Givaudan, Siate Voi Stessi e non cio’ che la società vorrebbe che foste

givaudan

 

Daniel Meurois-Givaudan è nato in Francia nel 1950; dall’uscita del suo primo libro pubblicato nel 1980 ha lasciato la sua impronta nel mondo della spiritualità e del pensiero metafisico contemporaneo con un particolare interesse rivolto verso la ricerca della vera identità dell’uomo.

L’Autore è alla costante ricerca della bellezza come gioia, felicità,ricchezza, e la sua consapevolezza rivela la continua ricerca dello spirito umano in cerca del Divino però con uno stile d’avanguardia, ovvero consapevole della trasformazione radicale che esorta l’uomo a guardare infinitamente piu’ in là, oltre l’orizzonte, un segno questo della grande forza d’impatto alla positività e all’eterna Felicità.

Le parole dell’Autore sono un vero nutrimento che porta alla pace e alla comprensione delle diverse tematiche che riguardano l’uomo, questo perchè grazie alla straordinaria ricerca del pensiero positivo, l’autore è capace di proiettare fiducia  nella vita dell’uomo. Le sue scoperte infatti sono testimonianze vere ad un approccio vero, forte, reale e soprattutto sicuro che identifica l’uomo nel suo essere all’interno della società.

Rappresentato da questa frase celebre di Theilhard de Chardin “su scala cosmica, solo il fantastico ha qualche possibilità di essere vero”, Daniel Meurois, non si dimentica mai di riconnettere l’uomo con la propria grandezza e con quella dell’Universo, perchè dal suo punto di vista, il fenomeno umano puo’ essere valutato solo in rapporto con il Cosmo, e questo pensiero, cari amici, rispetta anche la veridicità del pensiero positivo che esorta l’uomo a pensare in grande, a credere in sè stesso e ad espandere il proprio desiderio di felicità oltre…immensamente oltre…

Quanto emerge da tutto questo è l’armonia del moto equilibrato verso la libertà che l’uomo ha di esprimersi permettendo ai sogni e alle immagini di proiettarsi e di realizzarsi nell’energia positiva che condiziona una situazione di benessere infinito.

L’energia positiva appartiene all’uomo, cari amici, di questo ne sono sicuro, certo, e sempre lo ripeto a grande voce e con altrettanta enfasi, dovete credere in questo e abituarvici, soprattutto dovete pensare che voi potete tutto quello che volete. Alcune delle regole per essere felici, sereni, appagati sono quelle di percepire le forme di pensiero reiterate, accettare le emozioni ed i sentimenti, rigenerarsi della propria luce, accettare la propria responsabilità nel voler essere felici, avere fiducia nella vita e in quello che essa propone e manifestare gratitudine.

Quando abbiamo un pensiero fisso, l’energia viene concentrata in quel punto, se siamo innamorati, ad esempio, la mente proietta di continuo l’immagine di chi amiamo ed il nostro corpo reagisce così alle emozioni che fissano ancor piu’ i nostri pensieri, creando una realtà per noi stessi ma se questa realtà è Felice, diventa un vero patrimonio condivisibile e motivo di gioia infinita.

Essere sè stessi e non ciò che vuole la società significa organizzare il proprio pensiero e la propria vita in modo da poter essere Felici senza per questo cadere nell’ossessione del tempo, della frenesia, del lavoro, dell’ansia degli impegni, della famiglia, dell’essere padre,madre, moglie, marito, dell’essere qualcosa che non ci appartiene, ma essere semplicemente noi stessi, uomini e donne felice, nella nostra dimensione, con i nostri tempi, le nostre abitudini, i nostri hobby da vivere e considerare, con la nostra famiglia da amare ed accudire e sapere, soprattutto sentire di essere importanti per noi stessi e per gli altri,  perchè regalare gioia è una felicità senza termine di paragone.

 

Con stima ed affetto

Serafino Vallorani

 

Vi spiego perchè ho scelto il Pensiero Positivo

Cari amici, scrivo sempre del Pensiero Positivo, ormai lo sapete, difficilmente parlo di mè stesso perchè non voglio peccare di presunzione, però in questo frangente ritengo importante condividere con voi un aspetto molto importante, ovvero ” se pensi positivo, la tua vita cambia, migliora”, ma non solo la tua, cambia in assoluto il senso della vita.

Durante questi ultimi anni non ho fatto altro che mettere insieme tutto quello che ho imparato e sono guarito da una espressione sbagliata, cos’ho fatto di tanto speciale? Ho sorriso, ovvero, ho cambiato il mio modo di pensare.

Modificando i miei vecchi schemi di vita limitati, sono riuscito a scoprire quanto di bello era in mè, soprattutto quanto meravigliosa è la vita, anche nei suoi silenzi, anche nei suoi colori, anche in un giorno di pioggia, quando l’acqua scende a catinelle ed io sono felice come un bambino che puo’ correre sotto la pioggia.

Io sono Felice perchè ho delle affermazioni, perchè ho la capacità di visualizzare, e perchè quando mi guardo allo specchio io vedo un uomo felice e fiero di essere sè stesso.

Il Pensiero Positivo è stato per mè una vera scoperta, lo specchio è oggi un oggetto che mi rassicura, soprattutto quando, guardandomi negli occhi, riesco a mettere a confronto mè stesso, nella profondità del mio essere Serafino Vallorani. Ho potuto in questo modo scoprire cosa e quanto c’è dentro di mè e sono guarito da un vechio modo limitante di pensare. Oggi possiedo un nuovo modo di intendere la vita. Partendo da mè stesso, da quello che sono e da come sono, ho potuto solo migliorare la mia vita e quella delle persone a mè care, ed ora vorrei fare altrettanto con chi di voi ha fiducia, non fiducia in mè, non fiducia in Serafino Vallorani, ma fiducia nel Pensiero Positivo.

Solitudine, violenza, scarsa autostima,malattia, queste sono per mè parole terribili, non ne parlo mai, è vero, non le menziono mai, ecco forse dove ho sbagliato con voi, ma conosco cari amici la realtà, non crediate, io non sono ignaro a tutto questo, solo credo non sia opportuno parlarne per non lacerare quello che diversamente deve essere il nuovo risvolto positivo. Se impariamo a lavorare su di noi, possiamo costruire il nostro pensiero ed in questo modo, diventiamo noi padroni e responsabili del nostro futuro e null’altro. Noi!

Questo blog è vostro, le vostre esperienze qui raccontate, avranno una risposta, i vostri dubbi, i vostri perchè, i vostri ” ci credo o non ci credo”, saranno motivati, il dialogo sarà la nuova strada, vi attendo,

Con stima ed affetto

Serafino Vallorani

Paulo Coelho, l’AlchimistaPPPP

Paulo Coelho è un uomo che sorride, sorride alla vita e questo mi piace, un uomo dallo sguardo intenso, profondo, un uomo che ha scoperto il vero segreto della vita, per questa ragione sono fiero di poter scrivere di lui.

Ci sono due frasi bellissime di Coelho che voglio condividere con voi:

“Apprezza ciò che sei perchè tu sei amore, quell’amore che cerchi in ogni cosa e in ogni dove.Accogli ciò che tu sei perchè tu sei ciò che cerchi di essere, ciò che tu non vuoi essere, tu sei la vita che crea la tua vita. Accetta te stesso, amore del tuo amore, perchè tu sei ciò che hai tanto bisogno di essere. Sorridi all’amore che tu emani perchè tu sei quell’amore che cerchi in ogni luogo, pace dei tuoi sensi”.

Ogni volta che leggo questa frase si apre dinnanzi a mè l’orizzonte, infinite possibilità che io voglio creare ed in esse esserci, viverci, Felicemente, intensamente, profondamente.

“Beati coloro che non hanno paura di domandare quello che non sanno”.

L’Alchimista (O Alquimista) è stato pubblicato per la prima volta in Brasile, successivamente tradotto in 56 lingue ed ha venduto oltre 100 milioni di copie in piu’ di 150 nazioni, difficilmente riporto i “numeri”, ma questi numeri hanno un profondo significato. Per quest’opera, l’Autore ha vinto il Premio Grinzane Cavour.

“Ascolta il tuo cuore.Ecco conosce tutte le cose”.

L’alchimista narra la storia di Santiago, un pastorello andaluso che ha la fortuna di fare e di vivere un viaggio strepitoso fino in Egitto.

A Santiago basta un sogno, il suo sogno, per convincersi che nulla è piu’ importante del suo sogno e di spingersi così, come da suggerimento, fino alle piramidi egizie perchè lì troverà un tesoro. Ma la vera convizione gli viene consegnata proprio tra le mani dal re Melchisedec che gli regala Urim e Tumin ovvero, due pietre che gli indicano il cammino da compiere, purtroppo, una volta arrivato a Tangeri viene derubato di tutti i suoi averi ed è costretto a fermarsi in città per lavorare, dopo un anno riparte.

Si unisce così ad una carovana diretta verso l’Egitto e durante il percorso verso le Piramidi, beneficiando di un incontro avuto con un saggio alchimista, impara “a parlare al sole e al vento” compiedo così la sua Leggenda Personale.

Catturato però dai predoni del deserto, è costretto a rivelare loro il motivo del suo viaggio e scopre, proprio da uno di loro, che il suo sogno, era stato presagio di altri, ovvero, scopre che il sogno del tesoro è un sogno comune, che molte persone, molti di noi, abbiamo in comune gli stessi sogni, ovvero desideriamo la ricchezza di forza, di animo, di spirito, la ricchezza della salute, della saggezza, della padronanza di noi stessi, il sogno vero della Felicità, che io sempre descrivo a tutti voi, amici miei.

E’ a questo punto che Santiago diventa ricco, e torna in Spagna, dove nel frattempo aveva conosciuto l’amore, una fanciulla di nome Fatima, e torna ad amare, perchè questo, è uno dei sogni piu’ belli, perchè amare è il vero significato del sogno, “amare per essere amati, dare per ricevere”, essere forti e positivi e ancora Felici, sempre, queste cari amici, le parole che a voi tutti dedico, la verità che vive e riversa in ognuno di noi, seguite il vostro cuore e amate l’amore perchè l’amore crea amore e l’amore è Felicità.

Quanti di voi sono veramente innamorati, quanti di voi per questo sono veramente Felici? Attendo con ansia le vostre risposte.

Con affetto e stima

Serafino Vallorani

 

Napoleon Hill, Filosofo del Pensiero Positivo

Napoleon Hill è nato nel 1883 nella contea di Wise, in Virginia. La sua carriera di scrittore è iniziata prestissimo, a soli tredici anni, ed è stato il primo autore americano a pensare una filosofia basata sul Pensiero Positivo, come intuito e fondamento personale al proprio successo.

Il Pensiero Positivo, cari amici miei, come sempre vi dico, ci rende sani, felici e ricchi, ricchi di spirito, ricchi del nostro essere, della presa di coscienza di noi stessi, delle nostre capacità, ricchi di poter e saper dimostrare chi siamo, quanto valiamo, pronti a valutarci per quello che siamo, ed un uomo Felice, Positivo è un uomo propositivo, ovvero sà far meglio il proprio lavoro, ed il lavoro, insieme con il Pensiero Positivo, donano ricchezza.

Il libro piu’ famoso di Napoleon Hill Think and Grow Rich del 1936 ha venduto oltre 20 milioni di copie, questo significa, cari amici, che l’uomo semplicemente vuole essere Felice.

C’è una frase che mi ha colpito in modo particolare e che porto sempre ovunque, nei miei viaggi, nelle mie conquiste, nelle mie scoperte, nella mia Felicità di ogni giorno verso il Pensiero Positivo, ovvero“ognuno di noi è ciò che è a causa dei pensieri dominanti con cui occupiamo la nostra mente”. Nulla di piu’ vero, questa frase è ricca di significato, riscopre come l’uomo è in grado di decidere, plasmare, modellare la propria sorte, l’uomo infatti è un essere estremamente intelligente che grazie al Pensiero Positivo esce allo scoperto, incontra la luce e non ha piu’ motivo di attanagliarsi in paure o cattivi pensieri, che non esistono, che non sono inseti nell’uomo. L’uomo non è un essere che è preposto a richiamare in sè, cose non belle, l’uomo è stato creato come essere Felice, alla ricerca del Pensiero Positivo in ogni attimo certo della propria esistenza.

Vi voglio dire, cari amici, un’altra grande verità, e questa volta ve la dico io, Serafino, basandomi sulla realtà e sulla verità, sulla trasparenza e sulla devozione con cui a voi mi rivolgo, se parlate sempre di una cosa questa cosa la otterrete, se parlate della Felicità, voi, semplicemente sarete Felici.

Con Affetto e Stima

Serafino Vallorani


Pensa e Arricchisci Te Stesso + CD Audiolibro

Buono

Ti Amo, perchè Sono Felice

 

Se un Uomo Ti Ama ti dice

“ti amo perchè sono Felice”.

Nei tuoi occhi vedo oggi

quel che ieri mi mancava,

nel tuo sorriso sento la gioia,

viverla, è un dono immenso

e non saprei essere se non qui,

accanto a te, meraviglia,

tu che sei la mia Felcità.

Tu che mi guardi e pensi,

condividi il mio essere,

quando basta il tuo sorriso

a colorare un giorno sbiadito,

e grazie perchè, oggi con te

io sono Felice.

Nei raggi del piacere

si alza il coraggio

di scrivere le parole

che rendono Felici.

Non sono tanto lontane,

anzi, sono così vicine

che anche tu,

se alzi il viso,

le puoi toccare come mè.

 

Credere per Realizzare

 

 

Questa è l’immagine di Frank Lincoln Wright, uno dei piu’ grandi architetti del Novecento, nato a Richland Center (Wisconsin) l’8 giugno 1869.

La sua figura è ricordata anche per il suo temperamento incline alle sfide e alla scoperta dei nuovi orizzonti culturali ed artistici. Dopo un’infanzia normale, Frank compie gli studi di architettura, ingegneria civile a Madison e apprendistato a Chicago, fino a diventare allievo di Louis Sullivan, Maestro che lo plasmò culturalmente, fino ad infondergli la passione per lo sperimentalismo e la ricerca di nuove soluzioni che sarà una costante della sua vita, in particolare sarà spronato a ricercare filosofie differenti.

Divenuto un uomo rispettato nell’ambiente, i suoi scritti ottengono molta attenzione sia da parte degli specialisti che da parte del grande pubblico; nelle sue considerazioni viene sottolineata la ricerca della semplicità insieme con la volontà di trovare l’ispirazione attraverso i motivi.

Personalmente sono stato molto colpito da questa sua frase:” Se credete veramente in una cosa, questa si realizzerà per il fatto stesso che ci credete”.

Infatti, studiando e rileggendo il suo percorso, mi sono accorto che soffermandosi sugli studi dell’archittetura organica ha perseguito la filosofia dello sviluppo di opere come organismo, il che riporta ad una semplice equazione, ovvero l’uomo sta al suo organismo (a tutto quello che crea, partendo da sè stesso e passando anche per l’archittetura) come l’organismo sta al suo corpo, ovvero l’uomo in natura è un essere senza preconcetti, un essere libero, senza barriere, inibizioni, costrizioni, senza schemi, geometrie, un uomo è la sua casa, ovvero la sua famiglia, i suoi affetti, un uomo è la sua Felicità.

 

Con Affetto e Stima

Serafino Vallorani

L’Anima che Vibra

L’Anima che Vibra

Il pianto è l’anima che vibra, come il suono di una dolce melodia che penetra l’emozione ed induce alla commozione.

Un brivido sulla pelle, lo sguardo s’innalza, il cielo non ha barriere, eppure spesso l’uomo tende a definire l’indefinito.

La felicità esorta il sorriso ed il sorriso conforta la lacrina. L’uomo piange per amore “la pioggia mi dice che un uomo, non può pianfere mai, ma se adesso te ne vai, una lacrima in una canzone suonerò…e brillano d’amore i tuoi occhi, il tuo silenzio dice che, nel cielo piu’ alto e piu’ blu, lì amore, ci sei solo tu”.

“Io ero il sole e tu la luna, il mare ci trasportava via, le nuvole nel cielo ci guardavano e ballavano stretta a noi”.

“E lei sogna di ballare nel teatro della vita, sulle punte delle dita, una farfalla gira e balla, il suo destino lei lo sà, crisalide-farfalla, e nell’aria vibra la felicità, per quanto tempo e per quanto ancora, lei è felice e lo sà”.

Per amore si piange, ci si commuove, pensiamo alla nascita di un figlio, pensiamo al giorno del matrimonio, pensiamo a chi ama in silenzio per non distrurbare il momento, quanto vibra un’emozione?

Quando c’è amore, l’anima vibra, l’anima è dolce, soave, suadente, lo specchio che riflette tutto di noi stessi. Gli occhi sono lo specchio dell’anima che vibra, sono il riflesso delle passioni, dei sogni, delle emozioni, di quelle che abbiamo dentro, la nostra intima richiesta di quello che vogliamo ma non osiamo chiedere a noi stessi.

Inizia a chiederti cosa vuoi veramente, fai transitare questa vibrazione dal cuore fino alla mente, l’anima te ne dà coscienza e poi dillo, scrivilo a mè, scrivilo qui nel blog e vedrai che sul tuo viso, la lacrima del sorriso, ti conforterà piu’ di qualsiasi parola che io ancora non ti ho detto, ma presto ti scriverò.

Con Affetto e Stima

Serafino Vallorani

 

 

Uno Sguardo per Arrivare al CuoreUno Sguardo per Arrivare al CuoreUno Sguardo per Arrivare al Cuore

Ricordo quel giorno con un velo di melanconia e una sorta di commozione, si è aperto il sole nel mio cuore, la riflessione ha animato la mia mente…all’apparenza una giornata come tante, anche se di per sè già speciale perchè ero a spasso con mio figlio Adam Diego, che all’epoca aveva solo due mesi.

Con la mia compagna Simona, eravamo andati a visitare una città poco distante da noi, Morciano di Romagna e mentre passeggiavamo tranquillamente per una delle vie, guardando le vetrine, un signore attempato, con aria serena ed allegra, si è avvicinato a nostro figlio e con dolcezza, ed altrattanta delicatezza, avvolto in una sorta di beatitudine, ha detto parole, che io considero “le parole del cuore“:

E’ sempre piacevole vedere un bimbo…Vuol dire che il Signore non si è ancora stancato di noi”.

Se è vero che la vita genera e crea altra vita, niente di altrettanto vero, puo’ corrispondere a parole dette con tanta espressività e spontaneità, soprattutto perchè evocate dalla voce di un uomo che ha un suo vissuto fatto sicuramente di storie, di passioni, emozioni e forse di qualche rimpianto.

Quando si è giovani, difficilmente si pensa al domani, tante cose non si considerano affatto ed altre si danno per scontate, non si ha tempo di ascoltare, nulla si investe per concrettizzare dei rapporti, poi, col passare del tempo ci si accorge che la vita ci sorprende sempre.

Le parole di quell’uomo le ricordo ancora, ogni giorno, quando guardo mio figlio, quando lo stringo fra le mie braccia, sento di essere un uomo Fortunato perchè sono un uomo Felice ed ogni tanto nella mia mente si evoca il ricordo e l’immagine di quella scena.

Una bella giornata puo’ sempre migliorare grazie ad un incontro improvviso ed inaspettato; le persone sincere, leali, hanno un dono speciale quello di poter leggere in altri cuori ed in altri occhi la serenità e la positività che vive in noi e quel signore, con il gesto semplice e spontaneo delle sue parole ha reso la mia giornata Favolosa. Basta una frase viene dal cuore, per vedere tutte le sfumature delle parole e guardare oltre il silenzio, sentire i suoi suoni, le sue melodie, i suoi sussulti, i sussurri e persino odorarne il profumo: l’impalpabilità vera del senso della vita.